Tubi nel settore alimentare: quali applicazioni?

Nell’industria alimentare vengono utilizzati i tubi in gomma per veicolare cibi solidi, semisolidi e liquidi di diverso tipo ( latte, vino, succhi di frutta, acqua…). Troviamo ad esempio tubi per il trasporto e movimentazione di acqua potabile, componenti di macchine per la raccolta sul campo, ricariche per distributori di bibite, impianti di imbottigliamento bevande etc.

Quali caratteristiche devono avere?

 Sul mercato sono disponibili diverse tipologie di tubi in gomma ed è  importante scegliere correttamente il tubo valutando le sue caratteristiche a seconda del fluido da trasportare e del suo specifico  impiego, tenendo conto delle condizioni operative. Tra le caratteristiche che i tubi per applicazioni alimentari devono avere vi è la  grande resistenza e la flessibilità, necessarie affinché il tubo non si rompa per il passaggio di fluidi ad alta pressione.
Inoltre, devono essere resistenti alle alte temperature: non devono subire danni e abrasioni che possano danneggiarli irreparabilmente e provocare la fuoriuscita di fluidi.
Molti tubi in gomma per uso alimentare sono rinforzati con coperture interne, spirali metalliche e tessuti sintetici per aumentarne le prestazioni e metterli al sicuro da eventuali lesioni.
Anche la resistenza ai processi di sanificazione è un requisito essenziale dei tubi per uso alimentare. 

Essi devono anche essere atossici e in grado di mantenere inalterato il profumo e il sapore degli alimenti. 

Quali normative devono rispettare?

I principi generali che tutti i materiali che possono venire a contatto con gli alimenti, in maniera diretta o indiretta, devono rispettare, sono definiti nell’Unione Europea dal  Regolamento Quadro CE n. 1935/2004.  Le norme di fabbricazione sono poi regolamentate dal Regolamento CE n.2023/2006 che norma le buone pratiche di fabbricazione (GMP “Good Manufacturing Practice”).
Per i materiali plastici si applica una normativa specifica: il Regolamento UE n. 10/2011 (noto come “Regolamento sulle materie plastiche”) che abroga e sostituisce la precedente Direttiva CE 72/2002.
Negli Stati Uniti invece, la legge che regolamenta tutti gli additivi alimentari e i materiali a contatti con i cibi è il capitolo 21 del CFR (Code of Federal Regulations), sezione 174-190. In particolare la sezione 177 è dedicata ai polimeri e ai loro additivi. Il capitolo 21 del CFR è di competenza della FDA (Food and Drugs Administration). Queste normative contengono tutte le informazioni che bisogna sapere per un utilizzo dei tubi in piena sicurezza.

A chi rivolgersi

Per scegliere correttamente il tubo più adatto alle tue applicazioni alimentari non esitare a contattare gli esperti di Fridle Group. L’azienda distribuisce sul mercato italiano prodotti certificati appositamente progettati per l’industria alimentare,  realizzati con materie prime che rispettano i regolamenti sui materiali a contatto con alimenti. 

Cerchi sistemi di tenuta, fluid connectors e componenti oleodinamici per la tua applicazione?

Scrivici le tue esigenze. I tecnici Fridle Group ti daranno informazioni dettagliate.










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.




    Previous articleUsura e guasti dei componenti oleodinamici: cause e soluzioni
    Next articleCalibratore per guarnizioni versione 5.0, con tenditore di guarnizioni

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here