stampaggio guarnizioni

Lo stampaggio delle guarnizioni in gomma può avvenire con il metodo ad iniezione oppure a compressione. Conoscere le caratteristiche e i vantaggi delle due tecniche di stampaggio è utile per  preferire l’una o l’altra soluzione a seconda delle necessità. 

Stampaggio ad iniezione

Lo stampaggio ad iniezione è un processo ripetibile, prevede l’utilizzo di gomma non preformata, che viene caricata nella macchina tramite una vite senza fine e iniettata nello stampo tramite un pistone. Questa tecnica permette di ridurre i tempi di vulcanizzazione della gomma poiché essa viene preriscaldata durante la movimentazione. La macchina inietta la gomma a stampo chiuso con la possibilità di applicare il vuoto prima dell’iniezione riducendo sia lo scarto che la bava. Lo stampaggio a iniezione richiede un tempo di ciclo inferiore rispetto allo stampaggio a compressione, rivelandosi spesso più economico quando si devono produrre grandi quantità di guarnizioni.

Stampaggio a compressione

Lo stampaggio a compressione invece, è indicato per piccoli lotti di produzione. Consiste nella formatura di parti in gomma partendo da un materiale non ancora vulcanizzato. La gomma deve essere prima preparata e posizionata all’interno dello stampo e successivamente chiusa in pressione per un tempo sufficiente a permettere la vulcanizzazione del materiale plastico nella sua forma finale.

Tale processo richiede tempi più lunghi e un maggiore intervento di manodopera. Il manufatto viene infatti estratto manualmente e presenta nella chiusura dello stampo una quantità ingente di bava che deve essere asportata dall’operatore.

Per ricevere una consulenza dai tecnici Fridle Group non esitare a contattare l’azienda.

Contatta gli esperti Fridle Group!

Riceverai informazioni dettagliate.










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.




    Previous articleWebinar – parametri caratteristici degli elastomeri e dei materiali termoplastici
    Next articleInnesti rapidi e tubi flessibili per altissime pressioni

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here