O-Ring : una storia che inizia nel 1882

0
435
storia dell'o-ring

L’invenzione dell’ O-Ring

L’o-ring è il dispositivo di tenuta per eccellenza, il più semplice, economico e funzionale mai inventato dall’uomo.

La prima volta che questa meravigliosa invenzione apparve su un brevetto fu nel 1882, quando Edison mostrò al mondo la prima lampadina.

La base era sigillata alla parte superiore della lampadina con un anello di gomma. Ritroviamo lo stesso anello anche su un brevetto per un rubinetto d’acqua.

Tuttavia, il primo brevetto dell’O-ring è datato 12 maggio 1896: fu depositato in Svezia da J. O. Lundberg. Il brevetto statunitense dell’ oring venne registrato invece dal settantaduenne danese Niels Christensen nel 1937.

Un componente fondamentale: i vantaggi degli o ring in un momento decisivo…

A quell’epoca, le macchine che lavoravano con fluidi e gas in pressione erano già tantissime. Tutte facevano uso di diversi dispositivi di tenuta, non troppo efficaci e tanto meno semplici. Pensando ad esempio ai motori a vapore, ci si accontentava di avere qualche perdita di troppo a svantaggio del rendimento. L’invenzione delle guarnizioni o-ring semplificò la progettazione e la realizzazione di molte macchine e la sua adozione le rese molto più affidabili ed efficienti.

Nonostante i suoi sforzi legali la  sua proprietà intellettuale passò da una compagnia all’altra fino alla Westinghouse.

Durante la Seconda guerra mondiale il governo statunitense dichiarò l’O-Ring  un componente fondamentale per la guerra, consentendone la produzione ad altre compagnie. Christensen ricevette un pagamento di 75.000 $ e, dopo la sua morte e molte cause legali, un ulteriore risarcimento di 100.000 $ ai suoi discendenti.

fonte: google

Fridle Group offre un’ampia gamma di O-Ring adatti alle diverse applicazioni

Scrivici le tue esigenze. I tecnici Fridle Group ti daranno informazioni dettagliate.






     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    Previous articleTrattamenti superficiali di O-Ring in elastomero: l’alogenazione
    Next articleStoccaggio di tubi: normative e procedura consigliata

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here