elastomeri compatibili con acidi

Abbiamo parlato in articoli precedenti della compatibilità degli elastomeri con gli oli e i grassi vegetali od animali e con i carburanti.

Vediamo ora quali sono gli elastomeri più adatti per il contatto continuo con gli acidi organici e inorganici.

I materiali gommosi di composizione usuale possono facilmente essere danneggiati se posti a contatto con acido cloridrico, acido solforico, acido cromico e, in generale, agli acidi inorganici, essendo sostanze molto aggressive.
I materiali in FPM sono in generale molto resistenti alla maggior parte degli acidi inorganici.

Condizioni di impiego:

  • In condizioni d’impiego estremamente spinte (per esempio acido nitrico fumante ad alte temperature), quando la resistenza degli elastomeri in FPM non è più sufficiente, è consigliabile impiegare elastomeri perfluorati.
  • In condizioni di servizio leggere (per esempio soluzioni acquose a temperatura ambiente) possono essere usati gli EPDM.

  • Non possiamo fornire dei dati precisi sul comportamento degli elastomeri a contatto con acidi organici quali ad esempio acido lattico, acido formico e acido acetico: il comportamento di reazione è infatti  del tutto diverso a seconda della struttura e delle dimensioni delle molecole.Generalmente, si può dire che gli elastomeri EPDM hanno una buona resistenza contro molti acidi organici mentre gli FPM (che resistono bene agli acidi inorganici) vengono fortemente aggrediti da tali sostanze.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here