alimentare

Per assicurare sicurezza e igiene nel settore alimentare occorre prestare attenzione alle  tubazioni utilizzate nei diversi processi. In un vasto numero di applicazioni infatti, troviamo i tubi a contatto con alimenti o acqua potabile: trasporto di cibi, sia fluidi sia solidi all’interno degli impianti di processamento del cibo, trasporto e movimentazione di acqua potabile, componenti di macchine per la raccolta sul campo, ricariche per distributori di bibite, impianti di imbottigliamento bevande etc.

I principi generali che tutti i materiali che possono venire a contatto con gli alimenti, in maniera diretta o indiretta, devono rispettare, sono definiti nell’Unione Europea dal  Regolamento Quadro CE n. 1935/2004.  Le norme di fabbricazione sono poi regolamentate dal Regolamento CE n.2023/2006 che norma le buone pratiche di fabbricazione (GMP “Good Manufacturing Practice”). Per i materiali plastici si applica una normativa specifica: il Regolamento UE n. 10/20112 (noto come “Regolamento sulle materie plastiche”) che abroga e sostituisce la precedente Direttiva CE 72/2002. Negli Stati Uniti invece, la legge che regolamenta tutti gli additivi alimentari e i materiali a contatti con i cibi è il capitolo 21 del CFR (Code of Federal Regulations), sezione 174-190. In particolare la sezione 177 è dedicata ai polimeri e ai loro additivi. Il capitolo 21 del CFR è di competenza della FDA (Food and Drugs Administration). Queste normative contengono tutte le informazioni che bisogna sapere per un utilizzo dei tubi nel pieno rispetto delle normative e della sicurezza alimentare.

 

Fridle Group distribuisce sul mercato italiano prodotti certificati appositamente progettati per l’industria alimentare,  realizzati con materie prime che rispettano i regolamenti sui materiali a contatto con alimenti. Scoprili sul sito www.fridle.it!

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here